vampiri, vampiri energetici

Vampiri energetici: chi sono, come riconoscerli e come difendersi – Atto II

Scopri le 10 regole AntiVampiro

Difendersi dai Vampiri energetici si può e si deve!

Il Vampiro va affrontato. Può far paura perché è prepotente o perché è ottuso o perché ci trasmette un tale senso di pietà che temiamo di sentirlo gridare di dolore e allora preferiamo dargli il nostro sangue. E invece va messo di fronte a se stesso e, una volta riumanizzato, va aiutato a riparare al male che ha fatto. (Mario Corte. Vampiri energetici)

Sebbene i Vampiri energetici facciano di tutto per ostentare il loro potere (se ti sei perso chi sono e come riconoscerli, leggi questo articolo), hanno un grande punto debole che potremo certamente usare a nostro vantaggio, quando e se ci troveremo nella tempesta di una loro aggressione: vivono nel mito (illusorio) di loro stessi, della loro infondata superiorità e falsa sincerità, che li porta a fare impunemente a pezzi la sensibilità altrui e ad emettere sentenze squalificanti. Quindi, che fare per uscire incolumi dall’incontro/scontro?

Seguiamo queste 5 dritte:

  1. Diamogli rispetto (anziché soffrire in silenzio o ignorare con superiorità, altrimenti facciamo il loro gioco), avviando un dialogo a proposito dei loro comportamenti che umiliano e feriscono, ricordandogli che gli uomini sono tutti uguali e che la loro idea di superiorità è solo un’illusione. Dobbiamo però essere preparati al contrattacco vampirico, naturalmente come da copione.
  2. Diamo il giusto peso alle loro azioni, facciamogliele notare (sempre comportandoci correttamente) invece di compiacerli, in modo da creare le condizioni per metterli davanti allo specchio della loro maleducazione, arroganza, prepotenza, eccetera, eccetera. Dobbiamo difendere la nostra dignità. Certo, ci vuole coraggio, intelligenza e amore per se stessi. Ma ce la possiamo fare!
  3. Restiamo in contatto con i nostri sentimenti. I sentimenti sono la nostra forza AntiVampiro. Risolvono senza interferire. Sono proprio quelli che ci rendono capaci di fare cose che i Vampiri energetici (esperti solo di sentimentalismi) non sanno fare.

    Rispondere con gentilezza a qualcuno che è gentile con noi e con riconoscenza a qualcuno che in modo disinteressato ci ha dato qualcosa; cercare di offrire occasioni a chi non ne ha, essere tolleranti verso chi sbaglia in buona fede, saper vedere un merito e premiarlo con un riconoscimento anche simbolico; non esitare neanche un attimo a fare qualunque cosa per salvare una vita e non tollerare che si compiano violenze o soprusi contro gli innocenti; saper dare pietà a chi ha veramente bisogno di pietà e saper negare il favore a chi cerca di commuoverci con falsità. (Mario Corte. Vampiri energetici)

  4. Usiamo il senso di giustizia come scudo ai loro attacchi. È un sentimento fondamentale, è “l’istinto di conservazione della specie degli innocenti” ed è un’arma potentissima.
  5. Individuiamo ciò che nella nostra vita conta veramente, la cosa più preziosa che abbiamo (qualcosa che ha a che fare con noi: affetti, progetti, idee, sogni…) e lottiamo per difenderla. Ci darà la forza e il coraggio di sostenere i loro attacchi e non farci sottomettere.
vampiri, vampiri energetici

Energia vitale: un bene da preservare

Preservare la nostra energia vitale è fondamentale. È solo grazie a lei che possiamo affrontare e gestire, nel migliore dei modi, le dinamiche della vita di tutti i giorni. Dalle relazioni interpersonali (incluse quelle di nessuna intimità come il lavoro), ai piccoli sacrifici quotidiani (alzarsi presto la mattina, percorrere lunghi tragitti per andare in ufficio, …), alle variabili economiche (stipendio, affitto, spese impreviste, …), alle situazioni di attrito, alle emozioni negative (invidia, malizia, …) e così via.

E invece la sprechiamo in mille modi o ce la facciamo “rubare”. Così, anche quando ci capita di dover affrontare imprevisti o problemi banali e insignificanti, ci facciamo prendere da angosce e indecisioni, perdiamo la serenità e ci ritroviamo, in men che non si dica, con i nervi a pezzi. Meglio correre ai ripari!

Certamente, integrare la consapevolezza (mindfulness) nelle attività di ogni giorno, per esempio praticando la meditazione camminata, è un ottimo modo per disaccoppiarci dalla nostra mente, liberarci dai pensieri, dai problemi e dalle preoccupazioni della vita quotidiana e recuperare un po’ di energie, almeno quelle legate alle nostre seghe mentali.

E se uno o più Vampiri energetici incrociano la nostra strada come ci dobbiamo comportare?

Le 10 regole AntiVampiro per salvare noi stessi…

  1. Manteniamo la calma. I Vampiri energetici ci sguazzano nelle situazioni di disagio, dove la paura e l’ansia la fanno da padroni. Cerchiamo, invece, di accogliere questo disagio senza reagire e senza agitarci. Il nostro atteggiamento mentale è tutto.
  2. Non compiaciamoli. Dobbiamo essere razionali e non perdere il controllo sulla realtà. La nostra voglia di “sopravvivere” deve essere più grande della voglia di compiacerli per farci accettare.
  3. Osserviamo la corrente degli eventi. Tra le righe di ogni situazione c’è sempre un messaggio nascosto. La vita ci lascia continuamente delle tracce per indicarci la strada e fornirci l’energia che ci servirà quando incontreremo i Vampiri energetici. Seguiamole attivamente se vogliamo essere pronti a difenderci.
  4. Assumiamoci le nostre responsabilità. Proprio quello che i Vampiri energetici non fanno. Assumiamoci dunque le responsabilità dei nostri errori, ammettiamo di aver sbagliato quando abbiamo sbagliato e smettiamo di compatirci e piangerci addosso per ogni errore commesso. Negare le nostre responsabilità non fa altro che renderci un degno pasto per gli “amici” Vampiri. Non vorremo mica rischiare?
  5. Non accettiamo i loro doni. Saper resistere ai doni promessi ci garantirà, prima o poi, di ottenere quegli stessi doni dalla vita e, in più, gratuitamente. Con i Vampiri energetici, invece, dobbiamo scendere a patti. È un do ut des (do [a te] perché tu dia [a me]) dove, quelli che ci perdono, siamo noi. vampiri, vampiri energetici
  6. Sentiamo con la mente. Affidiamo le nostre sensazioni e le reazioni emotive alla mente, e l’azione al cuore. Così, la mente gestirà il “reagire” e il cuore “l’agire”, che è esattamente il contrario di quello che avviene di solito.
  7. Ricordiamoci della cosa più preziosa. La nostra energia vitale deve essere destinata alla nostra cosa più preziosa, a ciò che per noi conta veramente nella vita e non a nutrire i Vampiri energetici. Se, dunque, abbiamo ben chiaro che difendere ciò che per noi conta, è il nostro obiettivo, allora, nel momento in cui verremo attaccati, basterà tenere saldamente nel cuore questa cosa per impedire ai Vampiri di servirsi il pasto.
  8. Evitiamo che i Vampiri energetici trionfino in pubblico. I Vampiri sono tendenzialmente maleducati. Lo possono essere in vari modi: non ci salutano, ci offendono pubblicamente, ci interrompono ripetutamente mentre stiamo parlando, e così via. Facciamoglielo sempre notare, chiediamogliene conto (con educazione e rispetto, altrimenti entriamo nella loro logica), a maggior ragione se siamo in pubblico. Spesso nessuno se ne accorge. È, invece, importante che anche gli altri se ne rendano conto, così il danno d’immagine a loro spese sarà compiuto.
  9. Attuiamo le antitesi. Qualunque comportamento dei Vampiri energetici può essere efficacemente contrastato da un’antitesi. Svalutare gli altri andando a caccia dei loro difetti, è uno dei loro cliché preferiti. Se ci rendiamo conto che ci viene addebitato un difetto che in realtà non è un difetto o, almeno, non è un nostro difetto, dovremo adoperarci per dimostrare che non è così. Se, invece, il difetto in questione realmente ci appartiene, allora, per attuare un’antitesi adeguata, non potremo far altro che toglierci quel difetto.
  10. Sciogliamo le illusioni. I Vampiri energetici sono tanto fumo e poco arrosto. Il loro è un mondo fatto solo di nebbia e illusioni. Tenere bene a mente questa cosa ci salverà nel momento in cui saremo presi nella morsa del loro odio e della loro malvagità. Così, la loro promessa di male si scioglierà come neve al sole.

Last but not least, cerchiamo di avere sempre rispetto della nostra dignità e di quella degli altri. La dignità non è una condizione negoziabile.

… E gli altri

Infine, per scongiurare il dilagare del vampirismo, quando, nella nostra quotidianità, ci capita di assistere a piccoli o grandi conflitti tra due o più persone (di cui una è quasi certamente la vittima designata di un Vampiro), cerchiamo di non esprimere giudizi fondati esclusivamente su valutazioni di carattere ideologico (anziché pratico) ed evitiamo di prendere posizioni di indifferenza, solo per esercitare il diritto civile di “farsi gli affari propri”.

Facciamo invece valere il nostro senso di giustizia (o siamo tutti indistintamente colpevoli?) e abituiamoci a esercitare, serenamente e senza pregiudizi, la compassione. Potremo certamente salvare degli “innocenti” anziché diventare, inconsapevolmente, alleati dei Vampiri.

Riferimenti e approfondimenti

DMCA.com Protection Status
Valeria Antonelli

Articolo di: Valeria Antonelli

Questa sono io... Entusiasta, estroversa, eclettica. Laureata in Scienze Biologiche, ho un passato da ricercatore scientifico. Da 14 anni mi...