Calisthenics: il perfetto allenamento da fare a casa, al parco o in spiaggia – Circuito 3

Eccoci di nuovo qui! Lo so, siamo in ritardo sulla tabella di allenamento di Calisthenics, ma per un buon motivo. Anzi due. Innanzitutto, perché era giusto lasciare al tuo corpo il tempo di adattarsi alle nuove “fatiche” e poi perché ci piaceva l’idea di girare gli ultimi due circuiti in esterno.

Quindi, la prima novità di questo nuovo video, nonché del prossimo, è che ci alleniamo all’aria aperta. Non potevamo non approfittare della bella stagione. Così, abbiamo pensato di farti vedere che, anche in un parco e con “attrezzi di fortuna”, possiamo allenarci bene, anzi benissimo. E poi, vuoi mettere la bellezza di praticare il Calisthenics circondati dalla natura?

Ti ricordo che questa disciplina coinvolge tutti i distretti muscolari del corpo, attraverso esercizi dinamici, isometrici e di mobility, inizialmente abbastanza semplici e comunemente usati nella preparazione fisica di qualsiasi altro sport che, man mano che cresce il nostro livello di allenamento, andrà a sollecitare e migliorare anche la muscolatura profonda. Ricordati, il termine Calisthenics deriva dal greco ed è l’unione di due parole: Forza e Bellezza!

Calisthenics: fisico asciutto e forza raddoppiata

Se praticato almeno due volte a settimana, l’allenamento di Calisthenics esalta la definizione e costruisce un fisico asciutto e scattante. Niente più fisici poco armoniosi e troppo gonfi che poco si addicono a chiunque, a noi donne in particolare. Ora, visto che l’estate è alle porte, cosa possiamo fare se vogliamo tonificare il nostro corpo e al contempo diminuire la massa grassa, accelerando i tempi? L’ho chiesto al nostro Personal Trainer Job Diego De Santis, in arte Joblifept.

L’allenamento di Calisthenics firmato Joblifept

Hai detto bene. Non parliamo di diminuzione di peso ma di massa grassa. Se trasformiamo (facendo tonicità) la massa grassa in massa magra, o diminuiamo la massa grassa aumentando il lavoro cardio (come mostrato nel video dell’allenamento), non è detto che il peso sulla bilancia diminuisca visto che i muscoli pesano più del grasso a parità di volume.

E ancora…

Per accelerare la trasformazione del nostro corpo riuscendo a definirci, oltre alle due sedute di esercizi di tonicità/forza, dobbiamo inserire un terzo allenamento, quello cardio, oppure strutturare, come vedremo, sedute con circuiti che alzano la soglia cardiaca.

Il benessere sta nell’avere una muscolatura tonica

In tutti i nostri appuntamenti di Calisthenics abbiamo lavorato e continueremo a lavorare su tonicità, forza ed elasticità muscolare, che è molto importante sempre ma soprattutto con l’età che avanza. La muscolatura, infatti, è la legna che serve per farci bruciare più calorie ma è anche lo scudo che protegge le nostre ossa.

Calisthenics: allenamento n. 3… Per continuare a migliorare

In questo nuovo appuntamento di Calisthenics tocchiamo esercizi sempre più mirati a migliorare la tonicità muscolare, ma li affrontiamo con un circuito più complesso e qualche esercizio cardio. Lasceremo al prossimo e ultimo appuntamento un lavoro cardio più specifico.

Nel video tutorial vedremo, quindi, ogni esercizio nel dettaglio e poi il circuito da eseguire. Come sempre, se hai dubbi o chiarimenti da chiedere, non esitare a contattarci. Siamo qui per rispondere alle tue domande.

Buon allenamento e ci rivediamo qui tra un mese per divertirci ancora insieme con il Calisthenics nel circuito 4. Non mollare!

SCHEDA CIRCUITO DI ALLENAMENTO N. 3

  1. Bulgarian squat gamba dx 4 ripetizioni. Recupero 20”
  2. Jumping jack 20 ripetizioni. Recupero 20”
  3. Bulgarian squat gamba sx 4 ripetizioni. Recupero 20”
  4. Jumping jack 20 ripetizioni. Recupero 20”
  5. Push-up 3-6 ripetizioni (dipende dal livello di allenamento). Recupero 20”
  6. Skip alti 20 ripetizioni. Recupero 20”
  7. Leg raise 8 ripetizioni. Recupero 20”
  8. Side plank dx tenuta 30”. Recupero 20”
  9. Mountain climbers  20 ripetizioni. Recupero 20”
  10. Side plank sx tenuta 30”. Recupero 20”
  11. Mountain climbers 20 ripetizioni. Recupero 20”
  12. Leg raise 8 ripetizioni. Recupero 20”.

Eseguire 5 giri. Tra un giro e l’altro il recupero è 60”. Tra i singoli esercizi il recupero è di 20”.

NB: un’attività fisica troppo intensa e prolungata non favorisce l’integrità e la funzione gastrointestinale. Un’attività fisica regolare resta, invece, un valido alleato sia per chi soffre di disturbi funzionali gastrointestinali (quali sindrome dell’intestino irritabile, stitichezza, reflusso), sia nelle malattie infiammatorie croniche intestinali (MICI).

Scopri i contenuti dedicati

Ogni mese nella mia newsletter contenuti utili per il tuo ben-essere e la tua crescita personale. Iscriviti per non perdere l’aiuto in più.
  • Cliccando su "Mi iscrivo" accetti di ricevere la mia newsletter e acconsenti al trattamento dei tuoi dati personali in conformità al D.Lgs 196/2003. Per maggiori informazioni consulta la privacy policy. Potrai annullare la tua iscrizione in qualsiasi momento: il link per disiscriverti sarà presente in calce a ciascuna newsletter.

  • Questo campo serve per la convalida e dovrebbe essere lasciato inalterato.
Condividi l'articoloFacebookTwitterLinkedIn
Teresa Vullo
Scritto da
Teresa Vullo
Lascia un commento