E se invece del solito cappuccino ne prendessimo uno alle carote e pistacchi?

Ami le carote? Adori i pistacchi? Allora questa insolita ricetta di cappuccino è per te. Certo, forse non è proprio il cappuccino ideale per una prima colazione all’italiana, ma il pieno di vitamine e sali minerali è garantito e l’azione antiossidante e protettiva contro i radicali liberi, pure. In più, è un salva-vista naturale, nutre la mente, ha i colori dell’autunno ed è buonissimo!

Carote e pistacchi, abbinamento di buon senso

Le carote, si sa, sono preziose alleate della nostra salute e sono amiche dell’intestino, anche di quello irritabile. I pistacchi non hanno bisogno di presentazioni. Irresistibili, verdi e croccanti, sono un’ottima fonte di vitamina A (aiuta a proteggere gli occhi dalla disidratazione, favorita per esempio dalle molte ore di lavoro al computer) e di vitamina E (aiuta a mantenere una buona elasticità dei tessuti oculari, migliora la concentrazione, la memoria e favorisce la lucidità mentale). In più, contengono carotenoidi quali luteina e zeaxantina (proteggono i tessuti oculari dall’affaticamento visivo) e omega-3 (stimolano i processi cognitivi e la memoria).

Quindi, se siamo di quelli che davanti al pc ci passano l’intera giornata e magari pure una parte della serata, o di quelli che con lo stress mentale ci vanno a braccetto, il pistacchio e in particolare quello americano (che ha solo 160 Kcal per 30 g), è un superfood a cui non possiamo e non dobbiamo resistere, parafrasando Oscar Wilde.

La ricetta di questo insolito cappuccino, promossa dall’American Pistachios Growers (APG), l’associazione no profit dei produttori di pistacchi americani, è firmata dal noto chef francese Roland Passot. Noi ringraziamo.

Cappuccino di carote e pistacchi: ecco come prepararlo

Ingredienti per 4/6 cappuccini

Crema di carote

  • 6-8 carote organiche, sbucciate e tritate
  • 1 cipolla dolce, sbucciata e tritata
  • 4 tazze succo di carota (950 ml circa)
  • sale e pepe q.b.
  • 1 cucchiaino cumino
  • 1 cucchiaino vino rosso o aceto di sherry
  • 2 cucchiai olio d’oliva o burro
  • 6 cucchiaini pistacchi americani
  • peperoncino di Espelette

Spuma di pistacchi

  • 1 tazza latte intero o vegetale
  • 1 e ½ cucchiaio pasta pistacchi americani
  • ½ cucchiaino sale

In padella a fuoco moderato fai saltare la cipolla tritata con olio o burro senza farla imbiondire. Quindi, aggiungi le carote tritate e lascia cuocere per altri 5 minuti. Aggiungi cumino, sale, pepe, vino (o aceto) e metà del succo di carota. Porta a ebollizione finché le carote non saranno cotte. Lascia raffreddare 5 minuti, aggiungi il succo di carota rimasto e frulla il tutto bene. Il composto finale deve risultare liscio e omogeneo.

Scalda il latte in una casseruola senza farlo bollire. Aggiungi la pasta di pistacchi e il sale. Sbatti il tutto fino a quando la pasta è completamente incorporata e il latte risulta spumoso. Raffredda quindi la spuma ponendo la casseruola nel ghiaccio. Poni il latte di pistacchio freddo in un sifone per panna montata e lascia in frigo fino al momento dell’utilizzo.

Tosta i pistacchi con un po’ di olio di oliva a 180 gradi. Quando i pistacchi sono tostati aggiungi un po’ di sale e il peperoncino. Lasciali raffreddare e sminuzzali bene.

Versa la crema di carote calda nelle tazze da cappuccino e completa con la spuma di pistacchio e il pistacchio sminuzzato e speziato. Drink and wake up!

Scopri i contenuti dedicati

Ogni mese nella mia newsletter contenuti utili per il tuo ben-essere e la tua crescita personale. Iscriviti per non perdere l’aiuto in più.
  • Cliccando su "Mi iscrivo" accetti di ricevere la mia newsletter e acconsenti al trattamento dei tuoi dati personali in conformità al D.Lgs 196/2003. Per maggiori informazioni consulta la privacy policy. Potrai annullare la tua iscrizione in qualsiasi momento: il link per disiscriverti sarà presente in calce a ciascuna newsletter.

  • Questo campo serve per la convalida e dovrebbe essere lasciato inalterato.
Condividi l'articoloFacebookTwitterLinkedIn
Valeria Antonelli
Scritto da
Valeria Antonelli
Lascia un commento