buccia di limone

Buccia di limone: il rimedio naturale contro infezioni batteriche, meteorismo e digestione difficile

La buccia di limone non è solo ricca di profumo, colore e sapore, ma è anche terapeutica. (Simona Oberhammer, naturopata)

Ormai lo sappiamo bene, il limone è ben più che un semplice agrume, è un ottimo alleato della nostra salute, ideale per curare tantissimi disturbi, non a caso è considerato un vero e proprio farmaco naturale, non manca mai nelle nostre cucine, ci accompagna 365 giorni all’anno e lo si usa tutto, buccia inclusa.

Ed è proprio nella gialla e profumata buccia (flavedo) che sono racchiuse molte delle incredibili proprietà del limone. Iniziamo dal limonene, un olio essenziale contenuto nei piccoli alveoli presenti sulla superficie e responsabile del caratteristico profumo. Il limonene è antisettico e antibiotico, ha un elevato potere antinfiammatorio, è antiossidante, migliora la digestione, combatte il meteorismo (elimina i gas intestinali) e purifica l’alito. Ci basta?

La buccia di limone è, inoltre, ricca di vitamina C, una vitamina importantissima per il nostro benessere (leggi il box dedicato), flavonoidi (pigmenti che conferiscono al limone il tipico colore giallo), che agiscono in sinergia con la vitamina C e hanno attività antiossidante, antinfiammatoria, antivirale, vasoprotettrice e antitrombotica, e citrale, un liquido volatile giallo che ha proprietà antibatteriche e antimicotiche.

Il nostro benessere inizia dalla C

La vitamina C o acido ascorbico è una vitamina idrosolubile che nella nostra dieta non dovrebbe mai mancare, perché svolge tantissime funzioni molto importanti per la nostra salute:

  • è un potente antiossidante, combatte i radicali liberi e ritarda i processi di invecchiamento cellulare
  • stimola la formazione del collagene
  • è utile contro i danni dell’inquinamento e protegge dalle radiazioni
  • accelera l’eliminazione dei metalli pesanti
  • è coinvolta nella maggior parte delle reazioni metaboliche del corpo ed è pertanto considerata un brucia-grassi naturale
  • è cicatrizzante e antiemorragica
  • migliora l’assorbimento del ferro
  • migliora la densità ossea
  • facilita il metabolismo del colesterolo
  • ha un ruolo protettivo nei confronti di malattie cardiovascolari e di diversi tipi di cancro
  • stimola le difese immunitarie e ha un effetto tonico.
buccia di limone

Preparare la buccia di limone: qualche dritta

Che sia fresca, surgelata o essiccata, la prima regola per preparare la buccia di limone e beneficiarne di tutte le proprietà, è che il limone non sia trattato. Non vorremo mica riempire in nostro corpo di pesticidi e agenti chimici indesiderati, vero? Quindi, se riusciamo a optare per limoni biologici è tutto di guadagnato.

Naturalmente, prima di privare il limone della sua preziosa buccia, laviamolo accuratamente, strofinandolo sotto l’acqua corrente con una spazzolina per le verdure. Per un risultato ancora più sicuro, cospargiamolo con aceto bianco (un disinfettante naturale, utile per eliminare eventuali muffe e batteri), strofiniamolo bene e risciacquiamolo sotto l’acqua corrente.

Procediamo grattugiando la buccia o, se preferiamo, tagliamola a listarelle larghe circa mezzo centimetro, evitando la parte bianca (albedo) perché è piuttosto amara. Se però l’amaro non ci disturba allora nessuna controindicazione: l’albedo, infatti, è davvero ricco di principi nutritivi.

Fresca, surgelata o essiccata?

La buccia di limone fresca ha un aroma particolarmente intenso, un sapore delicato ed è il massimo da un punto di vista nutritivo. È preferibile consumarla subito o comunque entro due o tre giorni. Conservare in frigo.

Se di preparare la buccia fresca ogni volta proprio non se ne parla, possiamo grattugiarne o affettarne in quantità, surgelarla immediatamente e utilizzarla secondo le nostre necessità. Certo, perderemo un po’ in aroma e gusto ma, vuoi mettere la comodità? Perfetta in cucina per ogni evenienza!

La buccia essiccata merita, invece, un discorso a sé. Infatti, se viene seccata e conservata bene, mantiene intatte (o quasi) tutte le sue proprietà, aroma e sapore inclusi. Ma come fare a ottenere una buccia di limone essiccata a prova di gourmet?

Tagliamo la buccia di limone a listarelle o a fettine più o meno grosse, disponiamole ben distanziate tra loro su un piatto, una teglia o altra superficie piana e copriamole con una garza (importantissima perché protegge la nostra preziosa buccia da polvere e insetti e, al contempo, lascia passare l’aria).

Procediamo quindi all’essiccazione all’aria (meglio vicino a una fonte di calore come, ad esempio, il calorifero in inverno o il sole in estate), oppure in forno (in questo caso la garza protettiva non serve), a 60-70 gradi per un’ora o più (dipende dal forno). Una volta che le listarelle/fettine di buccia sono diventate secche e croccanti (non bruciate, mi raccomando!) significa che sono pronte (lo capiamo perché si sbriciolano facilmente). Lasciamole raffreddare e riponiamole al buio, in un barattolo di vetro chiuso ermeticamente.

In alternativa, possiamo polverizzarle con un mixer o un macinacaffè elettrico. Otterremo così la polvere di limone, gustosa, terapeutica e prêt-à-porter! La conservazione in vasetti di vetro chiusi ermeticamente, anche in questo caso, è un must.

Buccia di limone: usi e consumi

La buccia di limone, in qualunque veste, è perfetta per aromatizzare e arricchire di proprietà nutritive e terapeutiche, tè e tisane, primi e secondi piatti, salse, dolci, creme, macedonie, sale, pepe, zucchero e pure il caffè che, grazie al limone, si trasformerà in un ottimo e insolito digestivo. Un modo come un altro per stupire i nostri ospiti!

Se, invece, vogliamo stupire con una ricetta più “classica”, vi consiglio gli spaghetti di mais con olive taggiasche e pomodori di Pachino al profumo di limone e capperi.

E ricordiamoci: mangiare la buccia di limone fa bene, anzi no, benissimo!

DMCA.com Protection Status
Articolo pubblicato il 4 Luglio 2017Categoria/e: Curarsi al naturale antinfiammatoria ... Visualizzazioni: 9720Permalink: https://ww ... cile/
Valeria Antonelli

Articolo di: Valeria Antonelli

Sono Valeria Antonelli, biologa e autore del libro "Non avrai altro intestino all'infuori di me!", un manuale pratico per prendersi...