cucinare lenticchie

Cucinare le lenticchie a Capodanno? Benessere e fortuna tutto l’anno!

Ci siamo! Ebbene sì, anche quest’anno siamo arrivati al giro di boa e, come tradizione vuole, oltre al bacio portafortuna sotto il vischio, immancabili sulle nostre tavole di Capodanno saranno le lenticchie.

Sì, le lenticchie (Lens culinaris), da secoli considerate simbolo di prosperità e denaro, sono divenute, anche per noi, un appuntamento scaramantico nella notte più lunga dell’anno.

Quindi, accendiamo i fornelli e prepariamoci a cucinare lenticchie nella maniera che più ci piace.

Cucinare lenticchie? Sì, non solo a Capodanno!

Ricche di sali minerali, proteine, fibre e vitamine, le lenticchie sono uno dei legumi più consigliati e suggeriti dai nutrizionisti. Ideali per chi segue una dieta vegana e vegetariana, per i celiaci, per chi pratica sport e per coloro che desiderano alimentarsi in modo sano. Infatti, sono povere di grassi ma molto nutrienti, sono prive di glutine, saziano senza appesantire e facilitano i processi digestivi. In più, la fibra di cui sono ricche, le rende ideali per chi ha l’intestino pigro e per tenere sotto controllo colesterolo e glicemia. Valido aiuto anche per chi soffre di pressione alta. Da limitare, invece, se si soffre di colon irritabile perché le lenticchie fermentano nel colon e producono gas, causando dolore e gonfiore intestinale.

Cucinare lenticchie e mangiarle promuove felicità e buonumore

Semaforo verde anche per chi ha l’umore sotto i piedi! Elizabeth Somer, dietista e autrice di numerosi libri tra cui Eat Your Way to Happiness e Food and Mood, ha individuato una serie di cibi, tra cui le piccole e deliziose lenticchie, che promuovono felicità e buonumore. Quindi? Vietato mangiarle solo a Capodanno! Io ho già fatto una bella scorta e voi?

cucinare lenticchie

Cucinare lenticchie: il benessere diventa gourmand

Che siano le tenere e saporite rosse, le grandi e profumate gialle, le gustose e versatili nere, le piccole e morbide marroni o le delicate e raffinate verdi, le lenticchie sono ormai sempre più utilizzate e valorizzate dai grandi maestri della cucina italiana.

Ottime in umido, consumate come contorno o in abbinamento alla carne, come ingrediente principale di una zuppa, in purea o crema, in insalata o elaborate in crocchette o polpette. Le preparazioni che si possono fare con questo piccolo grande legume sono tantissime. Alla fantasia di ciascuno il tocco da Chef!

Ecco una ricetta semplice e gustosa per cucinare lenticchie in umido. Bon appétit!

Lenticchie in umido al profumo di rosmarino e olio EVO piccante

Ingredienti per 4 persone:

300 gr di lenticchie (quelle che vi piacciono di più)
100 gr pomodori pelati
2 gambi di sedano
1 carota
1 cipolla
2 rametti di rosmarino
brodo vegetale q.b.
olio extravergine di oliva q.b.
olio extravergine di oliva al peperoncino q.b.
sale integrale q.b.
pepe nero q.b.

Trita molto finemente sedano, carota, cipolla e rosmarino. Versa il trito in una padella capiente, aggiungi un po’ di olio extravergine di oliva e fai rosolare qualche minuto. Unisci le lenticchie (già messe a bagno per almeno un’ora, scolate e asciugate) e fai rosolare ancora 3-4 minuti. Aggiungi i pomodori pelati e lascia rosolare per altri 2-3 minuti.

A questo punto copri le lenticchie con il brodo vegetale e fai cuocere per circa 30 minuti, avendo l’accortezza di aggiungere altro brodo vegetale durante la cottura, se necessario. A fine cottura la lenticchia dovrà risultare morbida. Regola di sale e pepe e aggiungi un filo di olio piccante.

Il tocco da Chef: accompagna le lenticchie con dei crostini di pane caldi e croccanti irrorati con olio EVO e un pizzico di sale o, per chi veg non è, con sottili fette di lardo di Colonnata e pepe macinato.

DMCA.com Protection Status
Articolo pubblicato il 29 Dicembre 2015Categoria/e: Vegano e dintorni accendiamo i forn... Visualizzazioni: 2998Permalink: https://ww ... sere/
Valeria Antonelli

Articolo di: Valeria Antonelli

Sono Valeria Antonelli, biologa e autore del libro "Non avrai altro intestino all'infuori di me!", un manuale pratico per prendersi...