quadrotti ai datteri con cioccolato

Quadrotti ai datteri, mandorle e cardamomo, con cioccolato fondente e sale di Maldon

Quando ho iniziato a sperimentare ricette che fossero buone, sane e pure a misura del mio intestino, mai avrei pensato di potermi imbattere in questa bomba di bontà: quadrotti ai datteri, mandorle e cardamomo, con cioccolato e sale di Maldon. Una vera coccola per il palato e per la nostra pancia, anche se hai il colon irritabile. Unica precauzione: uno tira l’altro e possono creare dipendenza!

Ingredienti per 24 quadrotti

  • 12 datteri Medjool bio crudi (circa 500 g, io uso quelli di GustoVivo)
  • 230 g mandorle con la pellicina non tostate
  • 1 cucchiaio olio di cocco
  • 1/2 cucchiaino cardamomo (meglio se macinato fresco)
  • 1/3 cucchiaino vaniglia del Madagascar in polvere
  • 1 pizzico di sale
  • 100 g di cioccolato fondente (almeno 70%, meglio se dall’85% in su)
  • 1 e 1/2 cucchiaio latte di mandorla freddoùsale di Maldon per decorare (fiocchi di sale marino)
quadrotti ai datteri

Ecco come realizzare i quadrotti ai datteri

Metti le mandorle in ammollo in acqua per almeno 12 ore. Questo passaggio serve per rimuovere l’acido fitico (un anti-nutriente presente nella buccia che, legandosi a minerali come zinco, ferro, magnesio, calcio, manganese e cromo, li rende indisponibili per l’assorbimento da parte dell’intestino tenue) e gli inibitori degli enzimi (che ne impediscono la germinazione, rendendole più difficili da digerire) e godere appieno dei loro principi nutritivi. Risciacquale e asciugale con un canovaccio pulito.

A questo punto falle tostare in forno a 50° C per qualche ora, così che diventino asciutte e croccanti. Una volta tostate, falle raffreddare. Mettile nel frullatore e aggiungi il cardamomo, la vaniglia e il pizzico di sale. Frulla brevemente. Aggiungi i datteri privati del nocciolo e l’olio di cocco. Frulla fino a ottenere un impasto ruvido ma uniforme. Stendi l’impasto su un foglio di carta da forno e forma un rettangolo di circa 12×16 cm da cui, poi, ricaverai i quadrotti. Avvolgilo nella carta da forno e mettilo in frigo.

Nel frattempo sciogli il cioccolato fondente a bagnomaria (puoi usare anche il cioccolato fondente avanzato delle uova di Pasqua). Una volta sciolto, aggiungi un cucchiaio e mezzo di latte di mandorla freddo. In questo modo il cioccolato si addensa un po’ e sarà più facile stenderlo. Prendi l’impasto dal frigo e ricoprilo con tutto il cioccolato a disposizione, così da formare uno strato spesso. Completa con qualche fiocco di sale marino. Taglia la “mattonella” in 24 quadrotti. Mettila in frigo per almeno un’ora prima di servire. Enjoy!

NB: ricetta adattata da Cashew Kitchen.

Quanto “buon” senso c’è… nei nostri golosi quadrotti ai datteri?

Scopriamo insieme!

Dattero

Nutriente e molto energetico, contiene zuccheri naturali, un po’ di proteine e pochissimi grassi. È ricco di fibre e potassio e fa bene all’intestino. Aiuta a contrastare la stipsi, i disturbi digestivi, la diarrea cronica. Se assunti in maniera continuativa, i datteri favoriscono lo sviluppo di una flora batterica intestinale sana.

Mandorle

Un seme dagli usi più eclettici la mandorla. Ricco di proteine, fibre, fosforo, potassio, omega-3 e vitamina E. La fibra contenuta nelle mandorle è un ottimo prebiotico naturale, aiuta a mantenere sana la flora batterica intestinale e favorisce la regolarità. In più, uno studio scientifico di qualche anno sembrerebbe dimostrare che l’assunzione, per sei settimane, di piccole porzioni giornaliere di mandorle, promuova selettivamente la colonizzazione dell’intestino da parte dei batteri “buoni” (quali, per esempio, lattobacilli e bifidobatteri), migliorando, quindi, la composizione del microbiota (utile in caso di disbiosi), nonché l’attività di alcuni batteri intestinali.

Cardamomo verde

Una spezia dall’aroma inconfondibile, intenso e balsamico che richiama note fresche di eucalipto. La varietà verde si ricava dalla Elettaria Cardamomum, una pianta tropicale appartenente alla famiglia delle Zingiberaceae. Si può usare in molti modi: per profumare tè o caffè, per aromatizzare un riso bianco, per arricchire di quel gusto in più pietanze di carne o di pesce, nonché dolci, creme, biscotti. Il cardamomo è molto ricco di un olio essenziale, responsabile delle sue innumerevoli proprietà benefiche, ed è un ottimo rimedio naturale per la cura dell’apparato digerente. È utile per favorire la digestione e combattere l’alitosi. È ottimo anche contro il mal di stomaco e il gonfiore addominale (flatulenza, meteorismo) e in caso di problemi intestinali, quali colon irritabile, diarrea ed emorroidi.

DMCA.com Protection Status
Articolo pubblicato il 24 Aprile 2019Categoria/e: Good food bomba di bontà qu... Visualizzazioni: 203Permalink: https://ww ... ente/
Valeria Antonelli

Articolo di: Valeria Antonelli

Sono Valeria Antonelli, biologa e autore del libro "Non avrai altro intestino all'infuori di me!", un manuale pratico per prendersi...