Valeria Antonelli, consulente e coach per il benessere dell'intestino

Chi sono

Mi chiamo Valeria Antonelli e ho aperto questo blog nel 2015. Mi occupo di benessere a tutto tondo con un focus sull’intestino. Il blog è pieno di articoli ricchi di informazioni, spunti e tanti consigli utili e prêt-à-porter (pronti da indossare), che possono essere messi in pratica fin da subito per riconquistare e/o mantenere il proprio benessere psicofisico e quello del proprio intestino e vivere ancora meglio.

La mia missione è aiutarti a migliorare le tue abitudini, aiutarti ad acquisire uno stile di vita salutare, un’alimentazione corretta ed equilibrata e a prenderti cura di te e del tuo intestino quotidianamente e nel modo migliore. Aiutarti ad acquisire la consapevolezza di cosa significa vivere una vita all’insegna del benessere e dell’equilibrio fisico e mentale.

Sono laureata in Scienze Biologiche, ho un passato da ricercatore scientifico e un master universitario in Brand Communication. Ho lavorato diversi anni per alcune importanti agenzie di comunicazione in ambito salute occupandomi, tra le varie attività, dell’organizzazione di progetti e di eventi formativi rivolti a medici e pazienti. Attualmente mi occupo di formazione e consulenza alle persone in ambito Health e Wellness. Ho scritto il libro “Non avrai altro intestino all’infuori di me!”, un manuale pratico per prendersi cura del proprio intestino evitando gli errori più comuni.

Perché l’intestino?

Perché il benessere, anche quello mentale, inizia dalla pancia. Lo stesso Ippocrate (460-370 a.C.), il padre della medicina, sosteneva che:

Tutte le malattie hanno origine nell’intestino

Questo ci aiuta a comprendere quanto il prenderci cura quotidianamente di noi stessi e del nostro intestino, iniziando dalla scelta di una corretta alimentazione e di uno stile di vita salutare e consapevole, sia il nostro passaporto per la salute.

In fondo, si sa…

Il segreto per stare bene è nella vita di tutti i giorni.

Eppure, prenderci cura di noi con amore, farci del bene, ascoltarci, ascoltare il nostro corpo (e la nostra pancia), a volte può diventare una vera sfida. Viviamo in un frullatore, lavoriamo tutto il giorno, siamo frenetici e sempre di corsa. Risolviamo problemi, rispondiamo alle richieste, gestiamo imprevisti e spesso non abbiamo minimamente il tempo di occuparci di noi stessi. Così facendo, però, ci allontaniamo sempre di più da uno stato di equilibrio fisico e mentale.

Come ti aiuto?

  • Con gli articoli che pubblico sul blog.
  • Con il libro “Non avrai altro intestino all’infuori di me!”. Un manuale pratico che, attraverso la storia della mia pancia “tormentata” (simile a quella di molte pance), parla di intestino, di disturbi, di alimentazione, di rimedi.
  • Con i corsi dal vivo che organizzo, in collaborazione con un medico omeopata, per insegnare, a tutti coloro che hanno un intestino che fa i capricci, come prendersene cura senza commettere errori o altro.

In più, per gli Operatori del Benessere, organizzo corsi dal vivo (sempre in collaborazione con un medico omeopata), volti a insegnare loro come gestire le problematiche intestinali dei propri clienti e fornire alcuni strumenti pratici di ascolto della pancia, che li possano supportare nella pratica quotidiana.

Il benessere, la mia scelta di vita

Tutto nella vita è questione di scelte. Anche vivere una vita all’insegna del benessere è una scelta. Scegliere quale cibo mangiare, scegliere di praticare uno sport o una disciplina, scegliere di dedicarsi del tempo, scegliere di dire no, scegliere di rallentare o di fermarsi quando necessario, scegliere di ascoltare i segnali del corpo (e della pancia).

E, ancora, scegliere di non farsi le “seghe mentali”, scegliere di lasciar andare, scegliere di “sbattersene” di quello che non ci rende felici e non migliora la nostra vita, scegliere di mollare il controllo su tutto, scegliere di meditare, scegliere di prendersi cura di sé.

Niente è davvero difficile se lo si divide in tanti piccoli pezzettini – Henry Ford

Ho imparato ad abbracciare il benessere come scelta di vita, strada facendo.

Praticare uno sport è stata, sicuramente, la mia prima scelta in questo viaggio. Di sport ne ho praticati tanti nel corso degli anni: tennis, sci, vela, equitazione, immersioni, sport indoor. Più di recente, ho scoperto il pilates e soprattutto lo yoga, meravigliosa disciplina per il benessere del corpo e della mente.

L’esigenza di conciliare lavoro e vita privata mi ha spesso portata ad esaurire ogni riserva di energia, prima di accorgermi che il mio corpo e la mia mente avevano bisogno di fermarsi. Il conto che ho pagato è stato salatissimo. Così, ho riscoperto il piacere di rallentare, di dire no, di occuparmi di me.

Intestino e intolleranze alimentari: la mia via crucis

Poi, i problemi intestinali e le intolleranze alimentari che mi sono portata dietro per oltre 30 anni! Questa via crucis mi ha però insegnato in primis che mantenere l’intestino sano preserva la nostra salute e ci protegge da diversi disturbi, incluse le intolleranze alimentari. Punto secondo, che il cibo è il nostro primo strumento di benessere e prevenzione ed è il rimedio più efficace per mantenere l’intestino disintossicato, pulito e in ordine.

Fa che il cibo sia la tua medicina e che la medicina sia il tuo cibo – Ippocrate

Così, costretta dalla sorte ma sostenuta dalla mia curiosità, dalla mia passione per la cucina e dal bisogno di ritrovare un equilibrio perduto, ho iniziato seriamente a prendermi cura del mio intestino e mi sono avvicinata sempre di più a un’alimentazione sana e una cucina naturale. È stato il regalo migliore che potessi fare a me stessa e al mio intestino!

Ma prendersi cura della propria pancia significa anche iniziare a gestire bene le proprie emozioni. L’intestino è il nostro secondo cervello: tutto ciò che proviamo a livello emotivo passa anche da qui. Non a caso, un sacco di disturbi gastrointestinali (e non solo) originano proprio da una cattiva gestione delle emozioni. Per me è stato ed è tuttora utilissimo meditare, passeggiare nella natura, leggere un libro o scrivere. Sono tutte forme di distrazione che mi permettono di affrontare, con piglio diverso, anche situazioni molto stressanti. Con beneplacito del mio umore!

La fine è stata il mio inizio

Insomma, iniziando a fare scelte diverse, scelte funzionali al mio benessere, la mia vita piano piano è cambiata, si è trasformata, è diventata più sana e più felice. Ho scoperto di essere una persona resiliente. Ho capito di avere delle potenzialità nascoste. Ho intrapreso un percorso di consapevolezza che mi ha aiutata a “guarire”.

Tutti questi cambiamenti positivi, hanno però risvegliato in me la voglia di aiutare anche gli altri. Questo è il motivo per cui ho aperto il blog YouMint e ho scelto di educare, guidare e sostenere chiunque voglia intraprendere un percorso di riconquista del proprio benessere psicofisico e di quello del proprio intestino.

Inizia da dove sei. Utilizza quello che hai. Fai quello che puoi – Arthur Ashe