Arte: un benessere a colori dove le parole non servono

dali
Cristiana de Cesare, Dalì. Acrilico su tela, cm 80x100, 2015. In Dalì vi è la visione corretta del riposo, inteso come assenza di pensiero e di inquietudine interiore. La mente si annulla, dando spazio all’immaginazione creativa.

Arte. Potremmo vivere senza?

C’e’ un tizio che disegna quadri con lo spray senza usare la mascherina. Ogni volta che starnutisce disegna un arcobaleno.

Antoine de Saint-Exupéry, Il Piccolo Principe

Vi siete mai chiesti quanto benessere può derivare dall’osservare un quadro o addirittura dal dipingerlo? Personalmente, ho sempre amato l’arte, in tutte le sue forme e non solo quelle più tradizionali come pittura, scultura, musica, poesia, danza e fotografia. Ci può essere arte in ogni cosa, perfino in paio di scarpe col tacco 12! L’importante è imparare a osservare, perché la bellezza dell’arte è davvero negli occhi di chi guarda.

Non ci sono regole e cose giuste o sbagliate. Se, per esempio, osservando un quadro, questo ci colpisce nel profondo e ci cattura, allora è buona arte. Mio fratello Andrea, che amava molto la pittura contemporanea, mi ha sempre detto:

Puoi scegliere un quadro per fare un investimento oppure lo puoi scegliere perché ti piace. Se riesci a coniugare le due cose allora raggiungi la perfezione.

Andrea Antonelli

L’arte, in fondo, deve essere soprattutto una scelta di pancia e se la nostra pancia sta bene è tanto di guadagnato (per me che ho sofferto di sindrome dell’intestino irritabile, questo aspetto è particolarmente rilevante).

E se è vero che la vita spesso si identifica con l’arte, allora tutti noi siamo un po’ artisti. Infatti, ciò che ci attrae in un determinato momento, è quasi sempre legato a quello che stiamo vivendo proprio in quel momento, è legato ai nostri stati d’animo, alle nostre emozioni. L’arte non fa altro che restituirci un’idea, una visione, un sentimento di qualcosa che è già dentro di noi.

Un viaggio al di là del visibile

Di tutte le forme d’arte, la pittura è senz’altro quella che più si avvicina al mio sentire. In certi quadri proprio mi perdo, mi siedo, li osservo, apro la mente e il cuore e inizio a viaggiare. Ed è un viaggio senza tempo, senza meta, un viaggio oltre la tela, al di là del visibile, al di là dei tratti, delle forme, dei colori. Ogni quadro è un frammento di pensiero di un artista, una canalizzazione del suo sentire e può raccontare uno stato d’animo, un insight nel quale in quel momento ci identifichiamo. E quando troviamo una tela che ci piace, che è in sintonia con noi, che sentiamo nostra, allora tutto ha inizio. In quella tela possiamo davvero ritrovare l’armonia e uno stato di appagamento e di benessere profondo. A ciascuno la sua!

Ci sono pittori in grado di trasformare il sole in una macchia gialla, ma ci sono pure altri pittori che, grazie alla loro arte e intelligenza, sanno trasformare una macchia gialla nel sole.

Pablo Picasso

Ebbene, alla ricerca del mio sole ho scoperto, per caso, La Stanza di Kry. Kry, all’anagrafe Cristiana de Cesare, una donna, una pittrice, un animo puro, un’artista di grande sensibilità che dipinge con amore e dà vita a opere astratte che sono pura energia. Spinta da qualcosa di più grande, da sensazioni cromatiche dell’inconscio, trasporta su tela le sue sensazioni emotive più nascoste, i colori che vivono in lei, le forme e i segni del suo sentire.

L’arte di Kry

Kry si scopre artista di talento dopo un percorso di rebirthing e meditazione, nasce così La Stanza di Kry, il suo atelier, il suo rifugio.

Il divenire pittorico è un modo di essere… La pittura è l’unica cosa che mi permette di esprimere l’amore e la luce che ho dentro… mi dà una sorta di rinascita interiore, di benessere, mi fa provare amore per me stessa, per l’universo, per gli altri e mi fa sentire estremamente bene… È il mezzo espressivo di ciò che sono… La mia è una pittura di getto, automatica, asistemica, dettata da quello che sento, la mano non si ferma mai, avverto proprio l’energia che parte dal corpo e va nella mano destra e fino a quando non smetto il quadro non è completo.

Ha dichiarato Cristiana de Cesare.

Ne La Stanza di Kry ho avuto il mio primo incontro con i suoi quadri, con la sua arte ed è stato amore a prima vista! Osservarli dal vivo poi è meraviglioso, sarà per come Kry gioca con i colori, per i tratti del pennello o per ciò che io vedo nelle sue tele, ma osservare un suo quadro mi fa stare bene, mi fa sorridere nel profondo. Il modo in cui dipinge è così incredibile e perfetto. Nei suoi quadri c’è tutto, bellezza, armonia, unicità, essenza. Così, quando non sono proprio in forma o mi sento un po’ giù, mi immergo nel mio quadro di Kry e lascio che le sensazioni facciano il resto.

Un dipinto deve dirti quello che vuole dirti in brevissimo tempo e deve dirtelo con una sensazione… Io ho sempre collegato questa sensazione all’idea di un piacere, di un piacere dell’occhio, in qualche modo un piacere dell’intelligenza.

Carla Accardi
Arte, benessere

Beatitudine, Acrilico su tela cm 80×100, 2015.

Fare arte per ritrovare il benessere

Se poi, la sola contemplazione di un dipinto non bastasse a farci ritrovare il benessere perduto, ecco che ci viene in aiuto l’Arteterapia e cioè il fare arte. Ma cosa significa fare arte? In Arteterapia, fare arte è il trasformare in creazione artistica i pensieri, le emozioni e le sensazioni che non riusciamo a esternare con le parole, e questo ci permette di raggiungere uno stato di intenso benessere, di profonda gioia e felicità.

La pittura è un modo di fare arte, dove noi scegliamo colori e pennelli e, con la guida di un arteterapeuta, trasportiamo sulla tela i nostri stati emotivi e i pensieri più intimi. È un lavorare su se stessi, un mettersi in gioco. Il pennello ci aiuta a scaricare e ad esprimere noi stessi in maniera diretta, immediata, spontanea e istintiva, qui la mente è bandita.

Ogni nostra opera porterà con sé un messaggio dell’inconscio, un messaggio del cuore, che ci aiuterà ad acquisire consapevolezza delle nostre risorse e a migliorarci. Insomma, fare arte fa bene, attraverso l’arte esprimiamo noi stessi, ritroviamo benessere e ci miglioriamo. Meglio di così!

L’arte non riproduce ciò che è visibile, ma rende visibile ciò che non sempre lo è.

Paul Klee

NB. Chi fosse interessato a conoscere le Opere di Kry può collegarsi al sito La Stanza di Kry. Per approfondire l’Arteterapia potete contattare direttamente Cristiana de Cesare scrivendo a krydecesare@gmail.com. E non dimenticatevi di fare il mio nome!

Valeria Antonelli

12 minuti per te

Scarica la pratica audio gratuita

Un esercizio di pochi minuti che ti aiuterà a sentirti più radicata, leggera e sicura di te, per espanderti e ritrovare dentro di te quel sostegno che ti cambierà la vita.

Valeria Antonelli
Scritto da
Valeria Antonelli
Lascia un commento